L'Istituto dei Ciechi opera per la piena integrazione scolastica e lavorativa, sociale e culturale
delle persone con disabilità visiva, promuovendone l’autonomia e valorizzandone le aspirazioni personali

Consulenza informatica

ricerca tifloinformatica colore

Ricerca e formazione per conquistare l'autonomia, in classe, sul lavoro, nella vita quotidiana

Gli importanti risultati raggiunti attraverso la tecnologia dai ciechi assoluti e da coloro che hanno gravi problemi di vista nel mondo della scuola, del lavoro, della vita privata e di relazione, sono fatti tangibili, sono la realtà.

L'informatica, dunque, ha segnato una svolta decisiva anche nella vita dei non vedenti determinando un autentico salto di qualità. L'Istituto dei Ciechi di Milano con il suo Centro Informatico svolge un ruolo insostituibile nel campo della ricerca, della formazione e nell'individuazione di professioni accessibili ai non vedenti.

La crescita costante negli ultimi anni delle attività e dei servizi proposti dal nostro Ente implica il supporto di un'adeguata struttura tecnologica e informativa costituita da un parco di strumenti hardware e software sempre aggiornato e richiede personale specializzato per l'attività di manutenzione, di formazione e consulenza informatica.

Tali presupposti sono determinanti ai fini di una ricaduta positiva, in termini qualitativi, sia sui servizi offerti dal nostro Centro Informatico, sia dal supporto tecnico-organizzativo da questi fornito agli altri settori dell'Istituto. Affinché i non vedenti possano avvalersi dell'informatica, è necessario affrontare con attenzione due percorsi o, meglio, due ordini di problemi: il primo di ordine tecnologico (ricerca), il secondo concernente l'utilizzo della strumentazione (formazione).

Ricerca

L'individuazione di adeguate metodologie di insegnamento dell'informatica ai ciechi ed agli ipovedenti rappresenta la prima attività oggetto della massima attenzione da parte del nostro Centro e dei suoi numerosi e qualificati docenti.

La difficoltà risiede soprattutto nelle modalità d'interazione utente macchina. Ormai nell'interfaccia uomo macchina è predominante l'immagine: gli applicativi di uso comune (enciclopedie, dizionari, e-books) sono immaginati, pensati e strutturati più per essere visti che ascoltati o letti; analogamente la stessa internet, fonte infinita d'informazione, sempre più si propone attraverso l'immagine.

È necessario, pertanto, che Centri come quello dell'Istituto dei Ciechi di Milano svolgano un ruolo d'indagine e di filtro rispetto all'utente finale. Da qui assumono importanza di rilievo attività quali ricerca, test, collaudo, valutazione, selezione e dimostrazione della strumentazione hardware e software del mercato non specifico e naturalmente degli ausili braille, vocali e d'ingrandimento carattere per ciechi e ipovedenti.

I consigli, i suggerimenti, le soluzioni che quotidianamente vengono indicati agli studenti, ai lavoratori e a tutti i ciechi in generale, si basano sull'approfondita analisi delle caratteristiche e potenzialità, del valore e dei costi comunque molto alti della strumentazione necessaria.

Formazione

In ambito formazione, ci rivolgiamo con proposte di diverso livello e di diversa tipologia soprattutto ai diretti interessati, ai ciechi, ma in considerazione dei delicati e complessi risvolti della materia, destinatari delle nostre attività di consulenza e aggiornamento, sono anche gli educatori, gli insegnanti, le famiglie e tutti coloro che a vario titolo sono chiamati ad insegnare l'informatica ai ciechi e a diffonderne la conoscenza.

A questo scopo sono indispensabili colloqui con gli interessati e test che determinano i requisiti minimi oltre che i prerequisiti (si fa riferimento alla spazialità, alla laterizzazione, alla familiarità con gli oggetti).

Prezioso e molto importante è poi il lavoro di analisi che un team costituito da esperti tifloinformatici, tiflologi, psicologi, svolge quotidianamente anche in collaborazione con le famiglie. È necessario infatti accertare e garantire, a fondamento dell'uso di questi strumenti, una preparazione adeguata del soggetto che gli consenta di esprimere tutte le sue risorse personali, una preparazione senza la quale, evidentemente, egli non potrebbe avvalersi in modo proficuo delle tecnologie avanzate, con il risultato che qualsiasi percorso formativo proposto sarebbe infruttuoso.

Questi sono alcuni presupposti che assicurano alla persona non vedente che si rivolge al Centro Informatico dell'Istituto la possibilità di frequentare con profitto corsi di gruppo o individuali di alfabetizzazione informatica, corsi avanzati, corsi che prevedono momenti iniziali di livellamento e finali d'integrazione rispetto agli argomenti affrontati nel corso vero e proprio.

I programmi formativi dell'Istituto dei Ciechi di Milano conducono per mano gli allievi e li mettono in condizione di acquisire una maggior autonomia nel lavoro in classe, di interagire con gli insegnanti, scrivere e correggere autonomamente una lettera, una relazione, leggere i giornali e tutte le riviste italiane e straniere che desiderano, avere la possibilità di prendere un libro in libreria, farne la scansione, leggerlo come qualsiasi altra persona; e ancora di avere una personale biblioteca da consultare, navigare in internet, gestire l'e-mail, obiettivi una volta inimmaginabili e ora risultati possibili, magari faticosi da raggiungere, ma reali, grandiosi.

Per maggiori informazioni sul servizio, contattare: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Offerta formativa 2018

Percorsi formativi rivolti a persone con disabilità visiva nell'ambito di "Lombardia plus 2016-2018" di Regione Lombardia.

Modalità di iscrizione ai corsi

RSA Casa Famiglia

Assistenza a persone anziane non vedenti e vedenti in ambiente familiare con servizi che uniscono gli aspetti sanitario-riabilitativi con quelli sociali e relazionali.

Informazioni...